Vai ai contenuti

Menu principale:

malta

varie
ALLA SCOPERTA DELL'APICOLTURA MALTESE - Ottobre 2005
Inconto con Luke Montebello Apicoltore di Malta appartenente ad una famiglia di Apicoltori da 3 generazioni.

A margine di un viaggio di lavoro effettuato a Malta ho avuto modo di incontrare un anziano apicoltore locale che svolge l'attività apistica in modo tradizionale dove per tradizionale si intende un metodo di lavoro che corre indietro negli anni quando attrezzi come lo smielatore non erano stati ancora inventati.

Il signor Luke Montebello (cognome che tradisce una origine italiana) vive nel paesino di Safi non lontano dall'aereoporto internazionale di Malta. L'incontro si svolge presso il suo abituale luogo di residenza dove è pure ubicato l'apiario composto da circa 20 arnie. Le arnie non ricordano assolutamente le forme delle nostre arnie le stesse infatti contengono si 10 telaini ma questi hanno dimensioni di circa 1/3 delle normali dimensioni dei telaini usati all'interno delle nostre arnie razionali. In un primo momento ho pensato che questo fosse uno standard presente nell'isola ed utilizzato dagli apicoltori locali, ho invece scoperto andando avanti nella conversazione che le dimensioni erano state studiate dal signor Luke (che ha costruito le sue arnie pesonalmente) per facilitare la sua attività in considerazione anche dell'avanzare dell'età (queste pesano infatti circa 1/3 del peso di una nostra arnia e quindi sicuramente maneggiabili con maggiore disinvoltura anche da persone avanti con gli anni. Nonostante le ridotte dimensioni le famiglie sono comunque molto popolose ed ho potuto contare fino a cinque estensioni poste sulla base il che ci dà grossomodo il volume di due nostre arnie sovrapposte o se preferite un arnia con due melari. L'escludiregina strumento conosciuto dal signor Luke non viene preso assolutamente in considerazione lasciando campo libero alla regina che si spinge a deporre sin nelle estensioni più alte. La smielatura viene effettuata attraverso l'uso di un cucchiaio che serve a grattare la superficie dei favi che vengono poi fatti scolare fino alla completa caduta del miele e quindi restituiti alle api che provvedono a pulizia e ricostruzione. Nonostante i metodi un pò rudimentali usati per smielare debbo dire che un vasetto di miele multiflora ricevuto in omaggio si presenta perfettamente pulito ed esente da residui solidi visibili. Il vasetto munito di etichetta che dichiara l'origine floreale del miele ripota i dati del produttore il peso, 165 grammi, il numero di lotto, la data di scadenza ed il prezzo di £.maltesi 1,22 ovvero 3 euro circa (niente male Mr. Luke).

Oltre al miele il signor Luke raccoglie propoli da cui estrae un qualcosa di paragonabile alla nostra tintura di propoli che però viene estratta non con l'uso di alcool ma di wisky o brandy (secondo disponibilità). Nonostante le apparenze ed il modo un pò particolare di condurre gli alveari, la presenza presso il laboratorio di strumenti a noi familiari quali arnia da osservazione trappole per la raccolta del polline ed una notevole raccolta di materiale documentale tra cui campeggiano riviste sull'apicoltura del Regno Unito, la dicono lunga sulla sicuramente consolidata esperienza dell'apicoltore.


Molto interessante il discorso sulla varroa il prodotto più usato è il Bayvarrol . Il signor Luke mi ha poi mostrato un prodotto per lui nuovo (Apilaife) di cui non è però molto convinto e quando gli ho detto che questi è un prodotto che uso da anni mi ha chiesto con tono preoccupato (don't they run away?) letteralmente - ma non scappano via - riferito alle api, confidandomi che l'uso di tale prodotto si è rivelato problematico a causa dell'abbandono in massa dell'alveare da parte delle api.

L'incontro si è concluso dopo la degustazione di un ottimo vino al miele prodotto dal Sig. Luke ed avere ricevuto in omaggio il già citato vasetto di miele millefiori che mi ricorderà sicuramente i momenti trascorsi sull'isola.


Privacy Policy
© 2004-2016 Apicoltura Susanna De Rose
Via La Quercia 56 - 03019 Supino PI 02339490605
Torna ai contenuti | Torna al menu